Tag

mostre

Browsing

Fumetti, MiC – Al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi

Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi 
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Apre oggi al pubblico “Fumetti nei musei | Gli autoritratti degli Uffizi”, la mostra a Palazzo Ducale visitabile fino al 1° novembre
52 autoritratti di alcuni tra i più brillanti fumettisti della scena italiana – realizzati con tecniche, formati e stili diversi – in anteprima al Lucca Comics & Games 2021 dove resteranno fino al loro ingresso nella collezione delle Gallerie degli Uffizi al termine del festival. La mostra – dedicata a Tuono Pettinato, fumettista recentemente scomparso e autore per Fumetti nei Musei dell’albo ambientato alla Galleria dell’Accademia di Firenze – è una delle iniziative previste dal protocollo d’intesa siglato dalle Gallerie degli Uffizi e da Lucca Crea per favorire lo sviluppo e la promozione del fumetto in Italia e all’estero.
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi 
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi 
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Dalla ‘A’ di ALTAN alla ‘Z’ di ZUZU, il nuovo nucleo di autoritratti, che nasce da una generosa donazione da parte degli artisti, rappresenta un vero e proprio atlante del fumetto italiano contemporaneo che dopo il passaggio a Lucca dialogherà con la collezione di autoritratti delle Gallerie degli Uffizi, notoriamente la più ricca e prestigiosa al mondo.
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi 
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
“Grazie alle artiste e agli artisti per questa importante donazione, questo nuovo fondo è una novità importante che fa degli Uffizi uno dei primi musei di arte classica a scommettere sulla vitalità e sulla forza creativa della nona arte”, dichiara il Ministro della Cultura, Dario Franceschini.
Eike Schmidt, Direttore degli Uffizi
“Dopo la mostra, le 52 opere saranno esposte nelle nuove sale che dedicheremo alla storica collezione di autoritratti. Il fumetto entra finalmente con forza agli Uffizi, ed è solo l’inizio. Una sorta di ‘jump start’, sono certo che l’edizione del Lucca Comics del 2021 sarà ricordata anche per questo”, commenta il direttore degli Uffizi Eike Schmidt.
Eike Schmidt e Mattia Morandi
“Questa mostra è la prosecuzione di un percorso iniziato nel 2017 quando, con il progetto ‘Fumetti nei Musei’, il Ministero della Cultura e il mondo del Comics hanno finalmente rotto il ghiaccio tra loro ed è stato sancito il principio che quello del fumetto è un settore artistico davvero per tutti e non solo per i giovani. Le 52 opere donate dalle autrici e dagli autori di ‘Fumetti nei Musei’ aprono un’interessante veduta sul fumetto italiano contemporaneo, che è costellato da diverse generazioni, diversi generi, diversi stili e diversi linguaggi. Un mix fantastico, che, dopo l’anteprima a Lucca, entrerà in modo permanente nella collezione degli Uffizi”, commentano i due curatori della mostra, Mattia Morandi e Chiara Palmieri.
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Da sinistra, Eike Schmidt, Direttore degli Uffizi, Chiara Palmieri, curatrice della mostra e Mattia Morandi, Capo Ufficio Stampa del MiC e curatore della mostra
Grande soddisfazione per la collaborazione è espressa anche dalla Presidente di Lucca Crea, Francesca Fazzi, a cui fanno eco le parole del Direttore Generale Emanuele Vietina: “Anche l’edizione più difficile di Lucca Comics & Games ha generato frutti entusiasmanti. La presenza di Eike Schmidt sul palco del Teatro del Giglio ha segnato l’avvio di una collaborazione, che oggi si concretizza in un’iniziativa che porterà, ogni anno, il Maestro del Fumetto incoronato a Lucca all’interno delle Gallerie degli Uffizi. È un grande riconoscimento per il Festival e per tutto il fumetto italiano”.
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi 
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
ELENCO DEGLI AUTORI COINVOLTI NEL PROGETTO, CHE HANNO DONATO IL PROPRIO AUTORITRATTO ALLE GALLERIE DEGLI UFFIZI
ALTAN, Autoritratto (2021), pennarello su carta, mm 320 x 240.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Acqua passata, la storia ambientata nel
Castello Scaligero di Sirmione
ALTAN
Eliana Albertini
Simone Angelini
Paolo Bacilieri, Me 1995 (1995), smalto su tavola, cm 40 x 30 x 1,3.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Era Brera, la storia ambientata nella Pinacoteca
di Brera
Paolo Bacilieri
Bianca Bagnarelli, Autoritratto (2021), disegno in digitale, stampa Fine Art, mm 280
x 210.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Vulcanalia, la storia ambientata nel Parco
Archeologico di Pompei
Bianca Bagnarelli
Lorena Canottiere, Autoritratto a fumetti (2021), acrilico su carta, mm 330 x 240.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Io più fanciullo non sono, la storia ambientata
nei Musei Reali di Torino
Lorena Canottiere
Mara Cerri, Mara (2021), acrilico su cartone, mm 29,5 x 20,8.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Dietro di te, la storia ambientata nella Rocca
Demaniale di Gradara
Mara Cerri
Manfredi Ciminale
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Sara Colaone
Marco Corona
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Mariachiara Di Giorgio
DR. PIRA
Andrea Ferraris
Vincenzo Filosa
Marco Galli
Lorenzo Ghetti
Roberto Grossi
Gud
Lise e Talami
LRNZ, Autoritratto (2021), tempera giapponese Nicker, con inserto a inchiostro
Ultrachrome, tempera giapponese e Fineliner su carta, mm 410 x 309.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Time is Out of Joint, la storia ambientata nella
Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
LRNZ
LRNZ
Maicol & Mirco
Federico Manzone
MARTOZ
Lorenzo Mò
Vitt Moretta
Giacomo Nanni, Autoritratto (2021), acrilico su acetato, mm 298 x 210.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato L’immaginifico Signore, la storia ambientata
nell’Istituto Centrale per la Grafica
Giacomo Nanni
Luca Negri R.S.M.
Marino Neri
Otto Gabos
Pablo Cammello
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Giuseppe Palumbo
Paolo Parisi
Michele Petrucci
Antonio Pronostico, Autoritratto (2021), pastello su carta, mm 420 x 295.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Passatempo, la storia ambientata nel Parco
Archeologico di Ostia Antica
Pronostico
Antonio Pronostico
Fabio Ramiro Rossin
Ratigher
Fulvio Risuleo
Silvia Rocchi
Federico Rossi Edrighi
Emanuele Rosso
Alessandro Sanna
Pietro Scarnera
Roberta Scomparsa
Andrea Settimo
Alice Socal
Spugna
SQUAZ
Marco Taddei
Alessandro Tota
Tuono Pettinato, Autoritratto, matita e china su carta, mm 297 x 210.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Neri & Scheggia in Galleria, la storia ambientata
nella Galleria dell’Accademia di Firenze
Tuono Pettinato
Fumetti, MiC: al Lucca Comics sbarca il nuovo fondo autoritratti degli Uffizi
Miguel Angel Valdivia
ZUZU, Autoritratto (2019), penna su carta, mm 330 x 340.
Per Fumetti nei Musei ha realizzato Super Amedeo, la storia ambientata nel Museo
Archeologico Nazionale di Napoli
ZUZU
ZUZU
Testo, foto, video dall’Ufficio Stampa e Comunicazione del Ministero della Cultura
Mattia Morandi, Capo Ufficio Stampa del MiC e curatore della mostra

MiC, Uffizi e Lucca Comics & Games insieme nel segno del fumetto:
52 autoritratti di autori italiani entrano nella prestigiosa collezione degli Uffizi
Le premesse sono state gettate nel 2020, quando Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, ha partecipato a Lucca ChanGes, l’edizione segnata dalla pandemia di Lucca Comics & Games.
Oggi il Ministero della Cultura, le Gallerie degli Uffizi e Lucca Comics & Games si alleano in nome del fumetto,  partendo dall’iniziativa ministeriale Fumetti nei Musei*, che proprio il festival lucchese, nel 2018, premiò come migliore iniziativa editoriale.

MiC Uffizi Lucca Comics & Games Fumetti nei Musei Locandina
MiC, Uffizi e Lucca Comics & Games insieme nel segno del fumetto. La locandina della mostra “Fumetti nei musei | Gli autoritratti degli Uffizi”

52 autoritratti di alcuni tra i più brillanti fumettisti della scena italiana entrano nella collezione delle Gallerie degli Uffizi.
Le opere – realizzate con tecniche, formati e stili diversi – saranno presentate a Lucca Comics & Games 2021 dall’8 ottobre al 1 novembre nell’ambito della mostra “Fumetti nei musei | Gli autoritratti degli Uffizi” a cura di Mattia Morandi e Chiara Palmieri. La mostra – dedicata a Tuono Pettinato, fumettista recentemente scomparso e autore per Fumetti nei Musei dell’albo ambientato alla Galleria dell’Accademia di Firenze – è una delle iniziative previste dal protocollo d’intesa siglato dalle Gallerie degli Uffizi e da Lucca Crea per favorire lo sviluppo e la promozione del fumetto in Italia e all’estero.
L’intesa prevede, inoltre, la partecipazione degli Uffizi e del Ministero della Cultura alla designazione del Maestro del Fumetto di Lucca Comics & Games nell’ambito dei Lucca Comics Awards** e l’ingresso, ogni anno, dell’autoritratto del vincitore nella collezione degli autoritratti del museo fiorentino. L’accordo avrà durata biennale e sarà rinnovabile: nel suo ambito potranno essere intraprese iniziative condivise di svariate tipologie: oltre alle esposizioni anche eventi, produzioni culturali, partnership creative, didattiche, di natura scientifica e molto altro ancora.Le opere che andranno in mostra a Lucca sono state generosamente donate dagli artisti che hanno
partecipato a Fumetti nei Musei, il progetto ideato dal Ministero della Cultura e realizzato in collaborazione con la casa editrice Coconino Press – Fandango.

Dalla ‘A’ di ALTAN alla ‘Z’ di ZUZU, il nuovo nucleo di autoritratti, che spazia tra numerosi linguaggi e diverse generazioni, sarà un vero e proprio atlante del fumetto italiano contemporaneo che arricchirà la collezione di autoritratti delle Gallerie degli Uffizi, notoriamente la più ricca e prestigiosa al mondo: queste opere verranno esposte nelle nuove sale dedicate agli autoritratti che apriranno nei prossimi mesi al primo piano del museo vasariano.

Grazie alle artiste e agli artisti per questa importante donazione che rappresenta un’ulteriore evoluzione di un percorso di valorizzazione del fumetto contemporaneo che nasce attorno all’ambizioso progetto Fumetti nei Musei. Questo nuovo fondo è una novità importante per il panorama artistico contemporaneo italiano: gli Uffizi divengono così uno dei primi musei di arte classica a scommettere sulla vitalità e la forza creativa della nona arte”, dichiara il Ministro della Cultura, Dario Franceschini.

“Con questa inedita, innovativa alleanza tra gli Uffizi e Lucca Comics, una delle manifestazioni del fumetto più importanti al mondo, l’obiettivo è ribadire un concetto chiave: la cultura è pop e raggiungere con efficacia quante più persone possibili. L’accordo che presentiamo oggi è il primo del suo genere al mondo: sono convinto che darò vita a grandi risultati e farà da apripista a tanti altri ‘crossover’ fruttiferi di idee, creatività e spunti per il futuro”, commenta il direttore degli Uffizi Eike Schmidt.

Grande soddisfazione per la collaborazione è espressa anche dalla Presidente di Lucca Crea, Francesca Fazzi, a cui fanno eco le parole del Direttore Generale Emanuele Vietina:
“Anche l’edizione più difficile di Lucca Comics & Games ha generato frutti entusiasmanti. La presenza di Eike Schmidt sul palco del Teatro del Giglio ha segnato l’avvio di una collaborazione, che oggi si concretizza in un’iniziativa che porterà, ogni anno, il Maestro del Fumetto incoronato a Lucca all’interno delle Gallerie degli Uffizi. È un grande riconoscimento per il Festival e per tutto il fumetto italiano”

MiC Uffizi Lucca Comics & Games Fumetti nei Musei
MiC, Uffizi e Lucca Comics & Games insieme nel segno del fumetto. Alcuni volumi della collana “Fumetti nei musei”. Foto di Camilla Rossini

*
Fumetti nei Musei è un progetto ideato dall’Ufficio Stampa e Comunicazione del Ministero della Cultura, realizzato in collaborazione con la casa editrice Coconino Press – Fandango e con il supporto di Ales S.p.A. La collana editoriale, nata per avvicinare i ragazzi al mondo museale, è composta da 52 storie a fumetti che raccontano la contemporaneità di 52 musei italiani. Gli albi sono anche distribuiti in omaggio ai ragazzi che partecipano ai laboratori e alle attività educative dei musei coinvolti. Nel 2018 Fumetti nei Musei ha vinto il premio ‘Gran Guinigi’ nell’ambito dei Lucca Comics Awards come migliore iniziativa editoriale dell’anno con queste motivazioni: “Un’operazione che raccoglie i migliori nuovi talenti della scena italiana con un’impeccabile veste editoriale. Un prodotto di altissimo livello che sposa le intenzioni educative all’amore per la narrativa sequenziale”. Nel corso degli anni, Fumetti nei Musei è stato protagonista di numerose esposizioni: le tavole originali sono attualmente in mostra nel Santuario dell’Ercole Vincitore di Villa d’Este a Tivoli. Fumetti nei Musei è
stato presentato nei principali saloni del libro italiani e nei festival del fumetto, ed è stato al centro, nel 2020, della Settimana della Lingua Italiana nel mondo organizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. Tutte le informazioni sul sito www.fumettineimusei.it

*
I Lucca Comics Awards sono i premi dedicati al fumetto di Lucca Comics & Games, i principali in Italia. L’obiettivo dei Lucca Comics Awards è premiare le migliori opere a fumetti e i loro autori, indipendentemente da nazionalità, formato editoriale e modalità di distribuzione. Nell’ambito dei Lucca Comics Awards il riconoscimento principale è quello dedicato al Maestro del Fumetto, che avrà, ogni anno, l’opportunità di realizzare un autoritratto per le Gallerie degli Uffizi. Tutte le informazioni sul sito www.luccacomicsawards.com

Testo dall’Ufficio Stampa e Comunicazione del Ministero della Cultura

Pino Daniele Alive, la mostra

Pino Daniele Alive La Mostra
La locandina di Pino Daniele Alive, La Mostra

PINO DANIELE TRUST ONLUS
in collaborazione con
FONDAZIONE MADE IN CLOISTER
 e WALL OF SOUND GALLERY

PRESENTA IL PROGETTO ESPOSITIVO MULTIMEDIALE
“PINO DANIELE ALIVE, LA MOSTRA”
DA DOMANI 18 SETTEMBRE AL 31 DICEMBRE 2021
AL COMPLESSO DI SANTA CATERINA A FORMIELLO (NAPOLI)

Pino Daniele Alive la mostra
Pino Daniele. Foto ©Giovanni Canitano

PINO DANIELE TRUST ONLUS unisce le forze con FONDAZIONE MADE IN CLOISTER WALL OF SOUND GALLERY per celebrare l’indimenticabile artista partenopeo PINO DANIELE con “PINO DANIELE ALIVE, LA MOSTRA”, un progetto espositivo multimediale che resterà a Napoli, presso il complesso di Santa Caterina a Formiello (Piazza Enrico de Nicola, 49), sede della Fondazione, da domani, sabato 18 settembre, al 31 dicembre 2021.

Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

L’idea del progetto nasce dalla collaborazione del figlio di Pino Daniele, Alessandro Daniele, e del fotografo Guido Harari.

Pino Daniele Alive la mostra
Pino Daniele. Foto ©Guido Harari

All’interno della mostra sarà possibile vedere per la prima volta in grande formato scatti iconici di Pino Daniele, realizzati dai fotografi che lo hanno seguito più da vicino nell’arco della sua carriera. Immagini che hanno caratterizzato le copertine dei suoi dischi storici e fotografie inedite, digitalizzate appositamente per la mostra.

Pino Daniele. Foto ©Mimmo Jodice

In ordine cronologico si susseguiranno alcuni ritratti giovanili scattati da Lino Vairetti della band Osanna, per passare alle immagini di Mimmo Jodice, Cesare Monti, Guido Harari, Luciano Viti, Giovanni Canitano, Adolfo Franzò, Roberto Panucci, Letizia Pepori.

Pino Daniele Alive la mostra
Pino Daniele. Foto ©Adolfo Franzò

«Quando entrai per la prima volta nella Fondazione Made in Cloister fu suggestivo e sentii l’esigenza di accendere il mio computer per suonare uno di quei brani strumentali di mio padre dedicati a De Filippo. Vedevo quello spazio come un contenitore multimediale per la diffusione del nostro patrimonio culturale. Un’intuizione che ora si trasforma in qualcosa di concreto con la mostra itinerante ispirata all’installazione museale permanente “Pino Daniele Alive”, realizzata dalla Pino Daniele Trust Onlus all’interno del Museo della Pace di Napoli.»  racconta il co-curatore Alessandro Daniele.

Pino Daniele Alive, La Mostra
Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

La cornice suggestiva della Fondazione Made in Cloister, grazie alle sue caratteristiche architettoniche, riuscirà a guidare naturalmente il pubblico in un percorso multimediale, alla scoperta degli aspetti più complessi e privati di Pino. Ad arricchire l’esposizione anche oggetti e strumenti cari all’artista, tra gli altri, alcune sue chitarre rese celebri dalle copertine dei suoi dischi, il mandolino utilizzato per le registrazioni di “Napule è” e i fogli scritti di suo pugno con le scalette dei concerti.
Un soundtrack d’eccezione accompagnerà i passi del pubblico: alcuni brani del repertorio dell’artista saranno presentati in chiave inedita, con stralci audio della sola voce e/o della sola chitarra isolate dal resto degli strumentiA ritmare la dimensione volutamente più intima dell’ascolto, i respiri di Pino Daniele inframezzano le varie esecuzioni.

Pino Daniele Alive, La Mostra
Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

La mostra sarà anche un contenitore di attività no profit a cura della Pino Daniele Trust Onlus, che, grazie alla collaborazione di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, arricchirà il programma con una serie di attività di formazione artistico-musicale, con incontri dedicati ai licei musicali, istituzioni e corsi accreditati dal MIUR AFAM.

Pino Daniele. Foto ©Cesare Monti

Il primo appuntamento, “SULLE TRACCE DI PINO DANIELE”, si terrà proprio il 18 settembre a partire dalle ore 18:00. Il focus sarà l’analisi stilistica ed armonica delle opere di Pino con ascolti dei multi traccia originali di alcuni celebri brani, con la partecipazione degli studenti dei corsi pop rock del Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano.

Pino Daniele Alive, La Mostra
Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

Il progetto prende il nome dall’installazione museale permanente “PINO DANIELE ALIVE”, che il Museo Della Pace di Napoli ha voluto dedicare a Pino Daniele, aperta al pubblico il 29 Giugno 2016. Il percorso, a cura di PINO DANIELE TRUST ONLUS, è frutto di un’intesa tra l’indimenticabile “mascalzone latino” e il Presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso.   

Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

«Questo progetto porta Pino Daniele nella splendida cornice della Fondazione Made in Cloister, con una formula insolita e altamente emozionale. Rincorrere le sue dita sulla chitarra, afferrare il volo della sua ispirazione in tracce sonore volte incomplete, ritrovarseli suo viso da scugnizzo dall’adolescenza fino alla maturità in fotografie iconiche e anche molte inedite, sarà un’esperienza intensa e toccante, sia per il suo pubblico che per noi fotografi che lo abbiamo conosciuto e amato. Per noi, per tutti, Pino è e resterà sempre “Alive”, “Vivo”.» — aggiunge il co-curatore Guido Harari.

Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Guido Harari

«Made in Cloister è un progetto di rigenerazione urbana per l’area di Porta Capuana a Napoli, i cui motori sono l’arte contemporanea, il design e le grandi tradizioni artigianali della nostra regione. Nel 2018 abbiamo deciso di includere un programma dedicato alla Fotografia e – dopo la mostra Art Kane, Visionary – insieme ad Alessandro Daniele e Guido Harari abbiamo voluto dedicare un grande progetto espositivo a Pino Daniele. È la prima mostra itinerante multimediale sull’artista napoletano scomparso nel 2015 ed è stata progettata, in collaborazione con il Pino Daniele Trust Onlus e Wall Of Sound Gallery, con l’obiettivo di raccontare l’anima dell’Uomo in Blues — spiega Davide de Blasio, Fondazione Made in Cloister.

Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

«Come non essere presenti come SIAE con un sostegno concreto per ricordare, a sei anni dalla scomparsa, un autore che ci ha dato tanto? Parole e musica di Pino Daniele hanno accompagnato e accompagnano, come solo una presenza puntuale e discreta sa fare, quarant’anni di storia musicale italiana. Una storia anche sociale, umana, attenta, partecipe. Un grande cantautore e un grande compositore, per questo siamo onorati di essere parte del progetto multimediale che siamo sicuri restituirà dell’amato cantante partenopeo l’anima più delicata e insieme vivace, portandone il messaggio e la lezione anche alle generazioni più giovani» — dichiara Gaetano Blandini, Direttore Generale SIAE.

Pino Daniele Alive, La Mostra
Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

Orari d’apertura della mostra: Martedì — Sabato, h 11.00—19.00 / Domenica e Lunedì, chiuso. Tariffa unica € 5.00.

Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

Radio Monte Carlo è la radio ufficiale della mostra.

www.pinodanieletrustonlus.org/site/

Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia

Milano, 17 settembre 2021

Testo e foto da Parole e Dintorni.

Pino Daniele Alive, La Mostra Foto © Francesco Squeglia