Author

XtraCult

Browsing

L’icona mondiale della musica pop Christina Aguilera torna con il nuovo singolo in spagnolo “Pa Mis Muchachas” insieme a Becky G, Nicki Nicole e Nathy Peluso.

Christina Aguilera

Entra oggi in rotazione radiofonica ed è disponibile in digitale “PA MIS MUCHACHAS” (https://smi.lnk.to/PaMisMuchachas), il nuovo singolo della plurivincitrice di Grammy Awards e Latin Grammy Awards, superstar mondiale e icona della musica pop CHRISTINA AGUILERA insieme alla star latina BECKY G, all’esplosiva stella nascente argentina NICKI NICOLE e alla provocante cantautrice/rapper spagnola NATHY PELUSO.

 È online anche il videoclip ufficiale del brano (Christina Aguilera, Becky G, Nicki Nicole ft. Nathy Peluso – Pa Mis Muchachas), diretto da Vicente Solis.

 “Pa Mis Muchachas” segna un nuovo capitolo per la carriera della cantante, compositrice e produttrice americana, che racconta al suo pubblico un altro lato di sé e celebra con orgoglio la sua eredità ispanica.

 Il brano, dal forte sound latino, fonde diversi generi musicali come la salsa, il son cubano e la guaracha.  Il testo vuole trasmettere un messaggio di emancipazione femminile, e celebra i corpi delle donne, l’audacia, il coraggio e la libertà di scelta.

 Il profondo legame tra Christina Aguilera e la cultura latina nasce quando, prima che i suoi genitori divorziassero, i nonni le hanno trasmesso i valori della loro cultura. Una forte passione, quella di Christina, che trova libera espressione nel nuovo progetto discografico:

 «Non c’è niente pari all’amore latino, mi torna in mente ogni volta che entro a contatto con la sua lingua parlata – racconta Christina Aguilera – Mi ricorda la mia infanzia. Non l’ho fatto per lavoro, ma come uno sforzo d’amore».

 “Pa Mis Muchachas” è un anticipo della nuova produzione in lingua spagnola della superstar mondiale da “Mi Reflejo” del 2000.

Christina Aguilera Pa Mis Muchachas
Christina Aguilera

Social Media:

https://www.facebook.com/christinaaguilera/
https://www.instagram.com/xtina/
https://twitter.com/xtina/

Testo e foto dall’Ufficio Stampa Parole & Dintorni.

Giusy Ferreri: il 18 febbraio esce il nuovo album di inediti “Cortometraggi”, contenente il brano in gara al 72° Festival di Sanremo “Miele” e il singolo attualmente in radio “Gli Oasis di una volta”

Giusy Ferreri Cortometraggi Miele Gli Oasis di una volta
La copertina di Cortometraggi, nuovo album di Giusy Ferreri in uscita il 18 febbraio (Columbia/Sony Music) 

Venerdì 18 febbraio uscirà “CORTOMETRAGGI” (Columbia/Sony Music), il nuovo album di inediti di GIUSY FERRERI contenente “MIELE”, brano in gara al 72° Festival di Sanremo, e il singolo attualmente in radio, “GLI OASIS DI UNA VOLTA”.

 CORTOMETRAGGI”, da oggi disponibile in pre-save e pre-add al seguente link https://giusyferreri.lnk.to/cortometraggi, è il sesto album in studio di Giusy Ferreri e arriva a 5 anni di distanza dal precedente “Girotondo”, uscito nel 2017.

 Così Giusy Ferreri commenta il suo nuovo progetto discografico«Il titolo “Cortometraggi” nasce dai miei live. Durante i concerti amo definire alcuni brani che ho scritto come dei cortometraggi musicali e questo album racchiude come la narrazione di tanti piccoli film che esprimono concetti, situazioni e stati d’animo di vario genere. Ogni cortometraggio è un piccolo viaggio che ogni volta ha sapori e atmosfere differenti, colori, stili, generi e intensità diverse. È bello pensare che ogni individuo viva ogni giorno una sorprendente quotidianità che spesso varia e a volte si ripresenta ciclicamente».

«Miele” è una parentesi musicale romantica dal sapore retrò – dichiara Giusy Ferreri sul brano, scritto da Takagi & Ketra, Federica Abbate e Davide Petrella, in gara al 72° Festival di Sanremo – Quando lo canto mi sembra di vivere uno spostamento spazio-temporale, come un magico e dolce viaggio nell’attesa del ritorno di un amore».

A dirigere l’orchestra del Festival di Sanremo per Giusy Ferreri sarà il Maestro Enrico Melozzi.

Nella serata di venerdì 4 febbraio, Giusy Ferreri, accompagnato sul palco da ANDY dei Bluvertigo, interpreterà “Io vivrò (Senza te)”, celebre brano del 1969 di Lucio Battisti.

«“Io vivrò (Senza te)” di Battisti Mogol è un capolavoro – commenta Giusy Ferreri – È un brano molto intenso, che ho scelto di cantare appunto perché ritengo sia tra i brani più belli ed espressivi del repertorio della musica italiana. Ho da subito immaginato la presenza di Andy dei Bluvertigo per fondere contemporaneamente la magica atmosfera dei synth e aggiungere un viaggio nel tempo. Andy è un artista e polistrumentista completo, la sua presenza darà un tocco affascinante grazie alla sua consapevolezza e al gusto che lo contraddistingue. Ci lega una forte amicizia e stima reciproca, abbiamo avuto già occasione di condividere il palco insieme. Sarà bellissimo condividere anche quello del Teatro Ariston».

È attualmente in radio il singolo “GLI OASIS DI UNA VOLTA”, primo intrigante assaggio del suo nuovo percorso artistico (https://giusyferreri.lnk.to/Gli_Oasis_), e online è possibile vedere il visual del brano per la regia di Fabrizio Conte: https://youtu.be/-icqjSca0qY. “GLI OASIS DI UNA VOLTA”scritta da Piero Romitelli, Gaetano Curreri, Mario Fanizzi, Gerardo Pulli e Giusy Ferreri, è una ballad che evidenzia il lato più profondo e rockeggiante della voce dell’artista, con un testo malinconico e introspettivo che avvicina il brano alle origini della sua produzione.

Foto Credits: Cosimo Buccolieri

 Dal suo clamoroso esordio del 2008 ad oggi, Giusy Ferreri ha collezionato risultati unici e straordinari costruendo una carriera di traguardi e record, tra hit radiofoniche, 1 disco di diamante e 18 dischi di platino.

Sono innumerevoli i brani che negli anni hanno mostrato l’incredibile capacità della Ferreri di interpretare generi e stili più disparati, spaziando dal rock al pop, dal blues alla world music, tra cui, solo per citarne alcuni, “Non ti scordar mai di me”, “Novembre”, “Il Mare Immenso”, “Ti Porto A Cena Con Me”, “Partiti Adesso”, “Volevo Te”.

Una vita segnata da grandi successi e importanti collaborazioni con alcuni dei nomi più rilevanti del panorama italiano quali Tiziano Ferro, Nicola Piovani, Marco Masini, Michele Canova, Sergio Cammariere, Takagi & Ketra, Corrado Rustici, Federico Zampaglione, Bungaro e molti altri, e con Linda Perry autrice internazionale.

Social Media:
https://www.instagram.com/giusyferreriofficial
https://www.facebook.com/giusyferreri
https://twitter.com/giusyferreri

 

Testo e foto dall’Ufficio Stampa Parole & Dintorni.

“FUTURA: ITALIAN MUSIC AROUND THE WORLD”: ARRIVA ONLINE L’ARCHIVIO DI VIDEO-CONCERTI DI MUSICA ITALIANA GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E ITALIA MUSIC LAB

Futura

Futura è al seguente link: https://vimeo.com/italianaesteri

La promozione della musica italiana all’estero si digitalizza: su italiana.esteri.it è ora accessibile a livello globale l’archivio dei video concerti realizzati tra il 2020 e il 2021 da moltissimi artisti italiani in occasione dei più importanti showcase festival internazionali.

“Futura” è il nuovo progetto nato per sostenere la diffusione della musica italiana all’estero, frutto della collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e la Fondazione Italia Music Lab: si tratta di un prezioso video-archivio musicale che copre un’ampia gamma di generi, sonorità e sfumature, e che restituisce una fotografia della musica italiana più vivida e in fermento che mai, in grado di ampliare i propri orizzonti e sperimentare al di fuori dei propri confini geografici.

M¥SS KETA

Nel video archivio sono presenti esibizioni di artisti italiani che nel corso degli ultimi due anni hanno suonato nelle edizioni digitali di moltissimi showcase festival in giro per il mondo, come ad esempio M¥SS KETA per Eurosonic (Paesi Bassi), Joan Thiele per The Great Escape (Regno Unito), Melancholia e ELASI per LucFest (Taiwan), Ginevra Nervi e Emmanuelle per il Primavera Pro (Spagna), Kharfi per IMX (Cina) e molti altri ancora.

Melancholia

Grazie al sostegno di Italia Music Export, l’ufficio per l’internazionalizzazione della musica italiana lanciato da SIAE nel 2017 e ora parte della Fondazione Italia Music Lab, e della Farnesina, sono stati coperti i costi per la registrazione dei concerti e per l’affitto di “palchi digitali” per permettere agli artisti italiani di esibirsi in showcase festival internazionali di rilievo nel corso dell’intero periodo pandemico, e continuare così a diffondere la propria musica all’estero anche senza la possibilità di viaggiare.

Emmanuelle

Con il progetto “Futura”, voluto e promosso dal MAECI, tutte le esibizioni degli artisti e delle artiste saliti su questi palchi digitali compongono ora un archivio musicale disponibile in esclusiva su italiana (italiana.esteri.it), il portale del Ministero degli Affari Esteri dedicato alla promozione della lingua, della cultura e della creatività italiane nel mondo. I video concerti saranno inoltre diffusi grazie alla rete diplomatico-consolare del Ministero e agli 82 Istituti Italiani di Cultura presenti in ogni continente, che promuoveranno la nuova scena musicale italiana a livello internazionale.

In un momento storico incredibilmente delicato, in cui le conseguenze della pandemia continuano a ripercuotersi su scala globale e soprattutto nell’industria musicale, iniziative come “Futura” dimostrano che il mondo della musica non ha intenzione di fermarsi. “Futura” è inoltre la riprova che la musica italiana contemporanea è più attiva che mai e non guarda più solo al nostro Paese, ma a tutto il mondo.

Joan Thiele

A partire da gennaio 2022, ogni mese verrà caricato sulla piattaforma italiana un video-concerto di un nuovo festival internazionale nel quale si sono esibiti artisti e artiste italiani. I primi video concerti disponibili saranno quelli di Joan ThieleLucifour MNew Candys e Qlowski a The Great Escape 2021, rinomato festival inglese che ogni anno attira appassionati e addetti ai lavori da tutto il mondo.

New Candys

GUARDA I VIDEO CONCERTI SU ITALIANA: https://vimeo.com/italianaesteri

Futura

Testo e foto dall’Ufficio Stampa Parole & Dintorni.

LORENZO SANTANGELO VINCE LA XX EDIZIONE DEL PREMIO FABRIZIO DE ANDRÉ

Si è conclusa la XX edizione del Premio Fabrizio De André con la vittoria nella sezione musica da parte del cantautore romano Lorenzo Santangelo tra più di 1300 iscritti.

Mercoledì 12 gennaio si è conclusa la XX edizione del Premio Fabrizio De André all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Lorenzo Santangelo si è aggiudicato la vittoria nella sezione Musica portando live il suo ultimo singolo “L’arancio”, accompagnato da Riccardo Cherubini e Sandro Paoli (produttore e arrangiatore del pezzo). Oltre alla prestigiosa Targa, Lorenzo ha vinto un assegno da € 10.000 da Nuovo IMAIE per la realizzazione di un live tour di almeno 6 concerti.

Commenta Lorenzo Santangelo: “Vincere il premio dedicato a quello che nell’immaginario collettivo è considerato IL cantautore per eccellenza ha un significato davvero molto importante per me. E vincerlo con questo pezzo, “L’arancio”, vale ancora di più, perché è un pezzo vero, scritto con il cuore. Fabrizio De André ci ha lasciato un patrimonio inestimabile e vedere il mio nome associato in qualche modo al suo mi mette i brividi”.

Prodotto da Filippo Raspanti per Sphere Music International, “L’arancio” è il nuovo singolo in rotazione radiofonica dallo scorso 10 dicembre. L’autore, dopo aver vissuto molti anni all’estero, riscopre le sue radici utilizzando per la prima volta il proprio dialetto in un viaggio emozionale che ha come traccia un immaginario monologo del nonno. Il testo del brano, raffinato ed incisivo allo stesso tempo, si sviluppa in un crescendo perfettamente in armonia con la musica, partendo da una tenera immagine di vita quotidiana, seguita da una serie di riflessioni mai banali e di forte impatto emotivo.

Lorenzo Santangelo Premio De André
Lorenzo Santangelo ha vinto la XX edizione del Premio De André. Foto dalla Pagina Facebook del Premio De André

Esce in radio “L’Arancio”, il nuovo singolo di Lorenzo Santangelo

Biografia

Lorenzo Santangelo è nato a Roma, dove ha iniziato a 4 anni a studiare pianoforte. Dopo aver frequentato il conservatorio di Santa Cecilia si avvicina alla forma canzone, affascinato dai grandi cantautori italiani. Nel 2012 scrive un romanzo prima di lasciare l’Italia per trasferirsi in Australia, dove vive 7 anni ottenendo la cittadinanza australiana. Dal 2019 collabora con Radio SBS (la radiotelevisione nazionale australiana) per la quale ha ideato e conduce tutt’oggi la trasmissione settimanale “Parlando di Musica”, giunta ormai alla centesima puntata, nella quale intervista artisti di spicco del panorama musicale italiano tra cui Caparezza, Frankie hi nrg mc, Willie Peyote, Tosca, Ron, Eugenio Finardi, Fabio Concato, Simona Molinari, Gio Evan, PFM, La Rappresentante di Lista e molti altri. Tornato in Italia inizia a collaborare con svariati artisti, lavorando come autore. Negli ultimi anni ha pubblicato due EP (“Canzoni in fuga” e “Respiro”) e un Lp (“L’ultimo album d’esordio”).

Il suo nuovo singolo, “L’arancio”, è in rotazione radiofonica dal 10 dicembre 2021.

Si aggiudica la XX edizione del Premio Fabrizio De Andrè nella sezione Musica.

Social Media:

https://www.instagram.com/lorenzosantangelomusic/
https://www.facebook.com/santangelolorenzo/

Testo, video e foto dall’Ufficio Stampa Red & Blue.

BRYAN ADAMS IN RADIO DA VENERDÌ 14 GENNAIO CON IL NUOVO SINGOLO “KICK ASS”

 Anticipa il nuovo album di inediti in uscita l’11 marzo “SO HAPPY IT HURTS”

Kick Ass Bryan Adams

«In the beginning – God created the heavens and the earth

Then he created the waters, and the land, and then he created man

But man degenerated and descended into the black hole of making bad music

So a darkness fell all around

Only He could know of the storm that was coming, the hurricane that was brewing

Yes there was something wrong – something missing

There was no rock music»

Da venerdì 14 gennaio sarà in radio “KICK ASS” il nuovo singolo di BRYAN ADAMS che anticipa l’album di inediti “So Happy It Hurts” (BMG) in uscita l’11 marzo 2022.

 Kick Ass” è un brano scatenato che ci catapulta con nostalgia nel passato, con assoli di chitarra e un testo che inneggia ad alzare il volume e a lasciarsi andare al ritmo del RockÈ introdotto da un’incisiva dichiarazione d’intenti sul riportare “guitar, drums, bass, piano” nel mondo dopo un periodo di “bad music”.

«”Kick Ass” si apre con un sermone introduttivo di John Cleese che riassume la canzone, non c’è abbastanza rock and roll nel mondo … questo è quanto! Più chitarre, più batteria, uniamoci… let’s rock» afferma Adams.

Il lyric video è disponibile al seguente link: https://youtu.be/fz5C6eME1b4

 “So Happy It Hurts” è il quindicesimo disco in studio del rocker canadese: 40 anni di carriera, brani che sono impressi nella memoria di più generazioni, prima posizione in classifica in 40 Paesi nel mondo, e poi ancora 3 Academy Award nomination, 5 Golden Globe nomination, 1 Grammy Award. L’album contiene 12 brani di cui è autore. Sono già disponibili la title track So Happy It Hurts, primo singolo che ha anticipato l’album, e il brano scritto per il Calendario Pirelli 2022 On The Road.

 “So Happy It Hurts” sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali, oltre che in formato fisico, in versione CD standard, CD deluxe con copertina lenticolare + libro con copertina rigida e vinile, vinile a colori e un cofanetto in edizione limitata che include CD deluxe, vinile, libro rilegato e foto autografata.

Qui il pre-order dell’album https://bryanadams.lnk.to/SoHappyItHurtsAlbum.

Il nuovo disco arriva dopo il successo di “Shine a Light” (2019) che, ha debuttato al numero uno delle classifiche e degli album nel marzo del 2019 e contiene l’omonimo singolo con Ed Sheeran e un duetto con Jennifer Lopez.

BRYAN ADAMS ha attraversato con la sua musica 4 decenni, durante i quali ha pubblicato 14 album in studio. Le performance di Bryan Adams sono indimenticabili grazie alla sua straordinaria presenza sul palco e alla sua inconfondibile voce. Il suo modo di scrivere canzoni gli è valso numerosi premi e riconoscimenti: 3 Academy Award nomination, 5 Golden Globe nomination, 1 Grammy award, 1 American Music Award, vari Juno Awards. È stato inserito nella Hollywood Walk of Fame. Ha ricevuto l’Allan Waters Humanitarian Award per i suoi concerti di beneficenza e il Governor General’s Performing Arts Award per il suo contributo di una vita alle arti in Canada.

Bryan Adams è anche un fotografo professionista, scatta lui stesso tutte le copertine dei suoi album. Ha scattato il 48° calendario Pirelli. Nella sua carriera ha pubblicato vari libri fotografici con i suoi lavori, l’ultimo è Homeless, del 2019.

CONNECT WITH BRYAN ADAMS

Official | Facebook | Twitter Instagram | YouTube

Milano, 12 gennaio 2022

Testo e foto dall’Ufficio Stampa Parole & Dintorni

ORCHESTRA POPOLARE DEL SALTARELLO: È DISPONIBILE IN DIGITALE “ABRUZZO

L’ALBUM D’ESORDIO CHE DONA ALLA TRADIZIONE MUSICALE ABRUZZESE
UNA VESTE INEDITA, MODERNA E INNOVATIVA!

L’album è inoltre disponibile in formato fisico al seguente link: www.orchestrapopolaredelsaltarello.com

Abruzzo Orchestra Popolare del Saltarello
La copertina del disco Abruzzo dell’Orchestra Popolare del Saltarello

È disponibile in digitale ABRUZZO (https://musics.link/abruzzo), l’album d’esordio dell’ORCHESTRA POPOLARE DEL SALTARELLO. È possibile acquistare l’album, già disponibile in formato fisico, al seguente link: www.orchestrapopolaredelsaltarello.com

Il progetto discografico dell’Orchestra Popolare del Saltarello si propone di donare alla tradizione musicale abruzzese una veste inedita, moderna e innovativa. “ABRUZZO” è un disco composto da otto brani facenti parte del repertorio tradizionale abruzzese, rielaborati in chiave inedita in maniera tale da potergli donare una veste fresca, capace di catturare l’attenzione di un pubblico sempre più eterogeneo e vasto.

I brani facenti parte del repertorio dell’ORCHESTRA POPOLARE DEL SALTARELLO sono caratterizzati da contaminazioni di genere che si riflettono in ciascuna esecuzione, dando così vita a tracce che presentano influenze provenienti dal mondo jazz, funk, rap, balkan, pop ed elettronico.

I brani vengono eseguiti ed interpretati da un organico formato da undici musicisti d’eccezione e uno straordinario corpo di ballo che per l’ascoltatore fungono da compagni lungo il viaggio per le vie della tradizione musicale abruzzese.

Gli arrangiamenti, realizzati ad opera di Danilo Di Paolonicola, personalità di spicco tra i migliori fisarmonicisti e organettisti del panorama internazionale, sono eseguiti da: Danilo Di Paolonicola (fisarmonica, organetto), Alessandro Tarquini (violino), Manuel D’Armi (zampogna, ciaramella), Gionni Di Clemente (chitarra, bouzouki), Marco Di Natale (basso), Alex Paolini (batteria), Armando Rotilio (voce, percussioni), Antonella Gentile (voce), Alessandra Ventura (voce), Anissa Gouizi(voce), Federica Di Stefano (voce) e Alpha Sall (voce).

Abruzzo Orchestra Popolare del Saltarello

L’album è impreziosito dai contributi musicali di Mauro Baiocco (flauto in “Vola Vola Vola”), Alessandro Nosenzo (chitarra in “Addije, Addije Amore”), Emanuela Donati (voce in “Vola Vola Vola”).

Questa la tracklist di “ABRUZZO”: “Vola Vola Vola” (Danilo Di Paolonicola), “Saltarello Rosetano – Spallata di Schiavi d’Abruzzo” (Popolare), “La Jerv’a lu Cannet” (Di Paolonicola), “Mare Maje” (Di Paolonicola), “Addije, Addije Amore” (Di Paolonicola), “Rama di Rose” (Di Paolonicola), “Diasill” (Di Paolonicola) e “Maria Nicola” (Di Paolonicola).

L’Orchestra Popolare del Saltarello nasce da un’operazione di ricerca e rivalutazione della musica popolare abruzzese. Più nello specifico si occupa di tradurre in musica e suggestioni quello che fu il percorso degli antichi tratturi, lungo cui si è sviluppato e propagato il celebre “Saltarello”. L’Orchestra Popolare del Saltarello propone un repertorio di brani popolari abruzzesi eseguito ed interpretato da un organico formato da undici musicisti e un coinvolgente corpo di ballo. L’organico è formato da una sezione Vocale, Organetto, Fisarmonica, Chitarre, Mandolino, Zampogna, Ciaramella, Flauti, Tamburelli, Basso elettrico, Batteria e Percussioni.

www.orchestrapopolaredelsaltarello.com

https://www.facebook.com/orchestrapopolaredelsaltarello

Testo e foto dall’Ufficio Stampa Parole & Dintorni

GIULIA PRATELLI MARTEDÌ 11 GENNAIO ESCE IN DIGITALE “NEL MIO STOMACO” IL NUOVO ALBUM

Dall’11 gennaio 2022 è disponibile su tutte le piattaforme di streaming “NEL MIO STOMACO” (Blackcandy Produzioni), nuovo album di GIULIA PRATELLI. Il disco sarà disponibile prossimamente anche in formato fisico.

Giulia Pratelli Nel mio stomaco
La copertina del nuovo album di Giulia Pratelli, Nel mio stomaco

Nel mio stomaco” è il terzo album in studio di Giulia Pratelli e vede rinnovarsi la collaborazione artistica con Zibba, che aveva già seguito la produzione del precedente “TUTTO BENE” (Rusty Records, 2017). Contiene 11 tracce, tra cui “Qualcuno che ti vuole bene”, pubblicata lo scorso 22 novembre, scritta e interpretata insieme a BIANCO, e “Le cose da fare”, già contenuta nell’album “Benvenute”, una compilation prodotta da Musica di Seta e dedicata al racconto della condizione femminile. A chiudere la tracklist “Non ti preoccupare”, brano col quale la cantautrice ha vinto il premio “Miglior testo” al Premio Bianca D’Aponte 2018.

Nuovo singolo per Giulia Pratelli, Qualcuno che ti vuole bene (ft. BIANCO)

«Nel mio stomaco è un disco in movimento, fatto di canzoni di passaggio – spiega l’artista a proposito del nuovo progetto discografico – Si sviluppa come una sorta di viaggio che può svolgersi all’interno, tra le emozioni e i cambiamenti che ci riguardano come Persone, o all’esterno, tra le cose, le relazioni e ciò che accade intorno a noi».

Link all’album in digitale: https://bfan.link/nel-mio-stomaco

Giulia Pratelli Nel mio stomaco

Di seguito la tracklist del disco:

  1. Niente”;
  2. Luglio”;
  3. Qualcuno che ti vuole bene”;
  4. Le cose da fare”;
  5. Nel mio stomaco”;
  6. Autunno”;
  7. A memoria”;
  8. Tutti hanno ragione”;
  9. Un’altra volta”;
  10. Roma Milano”;
  11. Non ti preoccupare”.

CREDITI

Etichetta: BLACKCANDY PRODUZIONI
Edizioni Musicali: WARNER CHAPPELL (ad esclusione di “Qualcuno che ti vuole bene” WARNER CHAPPELL e METATRON)
Produzione Artistica: Zibba

Testi e Musiche Giulia Pratelli
“A memoria” e “Le cose da fare” Testo Giulia Pratelli e Marco Rettani, musica Giulia Pratelli
“Qualcuno che ti vuole bene” Testo Giulia Pratelli e Bianco, musica Giulia Pratelli

Voci e chitarre acustiche: Giulia Pratelli
Chitarre elettriche e acustiche: Luca Guidi
Pianoforte e tastiere: Edoardo Petretti
Basso elettrico e contrabbasso: Toto Giornelli
Batteria: Filippo Schininà
Violoncello: Novella Curvietto

Registrato da Lorenzo Buzzicoli presso il GRS Studio, Firenze
Contrabbasso registrato da Toto Giornelli presso il Totosound Recording Studio, Roma
Produzione e mix: Zibba
Masterizzato da Tommaso Bianchi presso il White Sound Studio, Firenze

Foto di copertina: Claudia Cataldi | The Factory PRD
Grafica di copertina: La Tram

NIENTE

Niente è il racconto della necessità di uscire dal guscio e sentirsi viva, con me stessa e con gli altri: concreta, leggera ma anche sporca e poi nuova… per tuffarsi, fare i conti, bruciare e, alla fine, non avere bisogno di altro.

LUGLIO

Luglio è la fotografia di un momento: ha i colori e le sensazioni dellestate ma potrebbe accadere in qualsiasi mese dellanno. È il tempo sospeso del viaggio, in cui si possono rimandare gli impegni e in cui le cose accadono prima di averle davvero pensate. È il bisogno di rallentare, di respirare a fondo e di ascoltarsi evolvere poi sciogliere poi scegliere e poi, soprattutto, restituire tutto”.

QUALCUNO CHE TI VUOLE BENE

Ho scritto questo brano con la chitarra in spalla, tra i viaggi in treno e i divani o letti di amici disposti a ospitarmi. Sentirsi sempre a casa non è facile ma improvvisamente lo diventa, di fronte allamicizia e a piccoli e grandi gesti daffetto.

Ho subito pensato che mi sarebbe piaciuto cantare questo brano con BIANCO, che per mia fortuna ha accettato e ha scritto le sue strofe, dando un contributo prezioso con il suo linguaggio e il suo sguardo.

LE COSE DA FARE

Cambiare la serratura, percorrere unaltra strada per tornare a casa, non andare in giro da sole: Le cose da fare sono tantissime e tutte devono essere tenute sotto controllo, ogni giorno, per provare a condurre una vita normale, per difendersi, per resistere, per salvarsi la vita.

Qualsiasi piccolo errore può avere conseguenze irreparabili e gli errori si fanno, per i motivi più diversi e banali, o semplicementeper stanchezza.  

NEL MIO STOMACO

Dedichiamo tantissime attenzioni al cuore ma a pensarci bene è nella pancia che si sente il morso della paura, del dolore, il battere delle ali delle farfalle, l’esplosione della felicità.

È lì che c’è un posto per le cose e (soprattutto) per le persone importanti.

AUTUNNO

Autunno è una canzone di passaggio: un momento di cambiamento, in equilibrio tra quello che si è stati e quello che si vorrebbe diventare. Come tutti (o quasi) i cambiamenti veri e profondi impongono, c’è una pausa, un respiro da prendere, per consolidare la consapevolezza di ciò che vogliamo portarci dietro, ciò che vogliamo lasciarci alle spalle e tutte le promesse che vogliamo fare e, soprattutto, mantenere.

A MEMORIA

In questo tempo che va veloce sembra essenziale essere svegli, sempre pronti per stare al passo con tutto ciò che succede fuori e intorno a noi. E se la vera promessa da farsi fosse di restare vivi? Forse rallentare è un modo per tornare a respirare, cogliere il senso più profondo delle cose e concedersi la fiducia che ci vuole per arrivare ad “impararsi” a memoria.

TUTTI HANNO RAGIONE

Di fronte ai consigli, ai giudizi, alle interferenze degli altri che sanno (o pensano di sapere) sempre quale sarebbe stata la cosa migliore, la scelta giusta, la decisione da prendere… nei momenti più difficili, l’unica domanda che conta davvero è “tu come stai?”.

UN’ALTRA VOLTA

Ci sentiamo dire che dovremmo stare attente a cosa indossiamo, come ci trucchiamo, come camminiamo. Ho scritto questa canzone per tutte le volte in cui sono tornata (e tornerò) a casa da sola ed invece di poterlo vivere come una cosa naturale ho dovuto fare i conti col fatto che potesse essere difficile, preoccupante e pericoloso.

ROMA MILANO

Roma e Milano sembrano città lontanissime, due mondi a parte che hanno in comune le assurdità di questo tempo veloce in cui i negozi restano sempre aperti e corriamo costantemente senza ricordarci perché. Anche in questo loop apparentemente senza fine però la felicità “a volte succede” e forse è semplicemente “non voler essere da nessuna altra parte”.

NON TI PREOCCUPARE

Una canzone che dura il tempo di un viaggio di ritorno in macchina e inizia con vado piano, non ti preoccupare”, quel messaggio che invio e ho inviato tante volte prima di partire e che mi ha fatto spesso pensare a dove fossi arrivata, da dove fossi partita e dove volessi ancora andare.

 

Biografia

Giulia Pratelli, che ha più volte attirato l’attenzione di grandi artisti quali Fiorello (che dal 2014 l’ha accolta nel cast della sua Edicola Fiore), Enrico Ruggeri e Grazia De Michele, negli anni è stata ospite dei concerti di Marco Masini, Edoardo Bennato, Diodato e Mirkoeilcane. Nel 2018 è la cantautrice a dare la spinta propulsiva per creare e organizzare “Come è profondo il mare”, uno spettacolo in omaggio alla musica di Lucio Dalla che la porta a cantare nei teatri e locali italiani insieme a Tommaso Novi, Gio Mannucci e Luca Guidi. Nell’estate 2020 apre alcuni concerti di Paolo Benvegnù e cattura l’attenzione di Kashmir Music a tal punto da decidere di farla entrare nella sua squadra. Alla fine del 2020, una speciale live session in acustico del suo inedito “Un’altra domenica (Canzone a casa)” ha inaugurato l’ingresso della giovane cantautrice nel roster dell’agenzia di booking Kashmir Music.
Il nuovo singolo di Giulia Pratelli, dal titolo “Qualcuno che ti vuole bene” feat. Bianco (Blackcandy Produzioni), è disponibile in digitale dal 22 novembre e in radio dal 3 dicembre 2021. Il brano anticipa un nuovo album in uscita il prossimo gennaio.

 

Social Media:
https://www.facebook.com/giuliapratelliofficialpage/
https://www.instagram.com/giuliapratelli/

Articoli correlati:

Nuovo singolo per Giulia Pratelli, Qualcuno che ti vuole bene (ft. BIANCO)

Testo e foto dall’Ufficio Stampa Red & Blue.

MEU COCO di CAETANO VELOSO, è disponibile da oggi la versione CD del nuovo album di inediti, a 9 anni di distanza dall’ultimo disco!

Oltre 50 anni di carriera, 13 Latin GRAMMY e 2 GRAMMY Award

l’artista brasiliano tra i più influenti dagli Anni ’60

CAETANO VELOSO

È uscita oggi la versione CD

del suo nuovo album di inediti

MEU COCO

Caetano Veloso Meu Coco
La copertina del nuovo album di inediti di Caetano Veloso, Meu Coco (Sony Music)

È uscita oggi, venerdì 17 dicembre, la versione CD di “MEU COCO”, il nuovo album di inediti del cantante e compositore, vincitore di 13 Latin Grammy e 2 Grammy Awards, CAETANO VELOSO.

Il disco, già disponibile in digitale (https://meucoco.lnk.to/CaetanoVeloso), arriva a 9 anni di distanza dall’ultimo album di inediti “Abraçaço” ed è il primo con Sony Music.

Caetano Veloso, foto di Aline Fonseca (Instagram: @alinefonsecas)

MEU COCOè un viaggio nella testa di Veloso, che parte dal ritmo del brano “Meu Coco” dal quale ha preso poi forma tutto il disco. 

«Sono passati nove anni da quando ho pubblicato un album di inediti. Alla fine del 2019, ho sentito un forte desiderio di registrare nuovo materiale da solo. Tutto è iniziato con un giro di chitarra che sembrava delineare qualcosa che (se eseguito come sognavo) sarebbe suonato originale a qualsiasi pubblico in qualsiasi parte del mondo – racconta Caetano Veloso – Ogni traccia del nuovo album ha una vita tutta sua. Questo è un album di quantità e intensità. La canzone portante, “Meu Coco”, ha mantenuto alcuni dei ritmi immaginati, ora con le percussioni di Márcio Vitor. Ma l’arrangiamento orchestrale che la rallegra è stato creato da Thiago Amud, un giovane artista di Rio de Janeiro la cui esistenza racconta l’autenticità dell’amore brasiliano per la canzone popolare».

È un album ricco di strumentazioni ed orchestrazioni d’eccellenza, dove le percussioni delineano il carattere dei brani, prima ancora di melodie e testi.

«Se “Anjos Tronchos” ha una sonorità simile ad “Abraçaço”, l’ultimo album che ho fatto prima di questo, “Sem Samba Não Dá” suona come Pretinho da Serrinha: una base di samba suonata da esperti musicisti, con la fisarmonica di Mestrinho, che fonde la música sertaneja con la samba tradizionale. Una lite sui (non) usi della parola “você” da parte della giovane e brillante cantante di fado Carminho si è trasformata nel fado medio-atlantico “Você-Você“, cantato insieme a me, accompagnati dal mandolino di Hamilton de Holanda al posto della chitarra portoghese. “Não Vou Deixar” è basata sul rap e creata al pianoforte da Lucas, il suo testo è un rifiuto all’oppressione politica, scritto con un tono d’amore colloquiale».

Un disco che affronta temi importanti per l’artista come la società, l’antropologia, la politica e l’amore: da “Anjos Tronchos, il primo singolo che ha anticipato l’album, una canzone che racconta l’ondata tecnologica che ci ha sommerso tra computer, smartphone e Internet, a “Pardo che, come suggerisce già il titolo, è un’osservazione sull’uso delle parole nell’attuale discussione sulla questione razziale; da “Enzo Gabriel” che riflette sull’uso di questo nome che è stato il più scelto per i neonati brasiliani negli anni 2018 e 2019, a canzoni che si intrecciano con la sfera sentimentale come Autoacalanto che è un ritratto di suo nipote che ora ha un anno (il padre Tom suona la chitarra nel brano).

«”Cobre” è una romantica canzone d’amore sul colore della pelle che compete con il riflesso del sole sul mare nel tardo pomeriggio a Porto da Barra. Jaques Morelenbaum, un inguaribile romantico, l’ha orchestrato. Ma ha anche arrangiato “Ciclamino del Libano“, con frasi mediorientali spruzzate di Webern. Devo la conoscenza con Lucas a mio figlio Tom: sono entrambi nella band Dônica. Devo a mio figlio Zeca l’attenzione alle nuove prospettive critiche. Devo a mio figlio Moreno l’intensa bellezza della canzone “GilGal“: ha fissato il ritmo del candomblé perché io potessi aggiungere la melodia e il testo che avevo già abbozzato, ma che è davvero venuto fuori solo quando ho sentito le percussioni. E la canto con la straordinariamente talentuosa Dora Morelenbaum».

Meu Coco” è prodotto da Caetano Veloso con Lucas Nunes e registrato con il mandolinista Hamilton de Holanda, il percussionista Marcelo Costa, il percussionista Márcio Victor, il fisarmonicista Mestrinho, il percussionista Pretinho da Serrinha – per il quale il compositore ha realizzato la samba inclusa nell’album – e il polistrumentista Vinicius Cantuária. Con arrangiamenti di Jaques Morelenenbaum, Letieres Leite e Thiago Amud, oltre alle voci di Carminho e Dora Morelenbaum.

Tracklist “Meu Coco

1          Meu Coco                       

2          Ciclâmen do Líbano                   

3          Anjos Tronchos              

4          Não Vou Deixar              

5          Autoacalanto                             

6          Enzo Gabriel                              

7          GilGal                             

8          Cobre                  

9          Pardo                              

10        Você-Você                      

11        Sem Samba Não Dá                               

12        Noite de Cristal          

  

Caetano Veloso è l’artista brasiliano che ha vinto più premi ai Latin Grammy – un totale di tredici trofei – oltre ad essere stato premiato dall’Accademia come “Person of the Year” nel 2012. Con più di cinquanta album all’attivo e collaborazioni nelle colonne sonore di film come “Hable con Ella” di Pedro Almodovar e “Frida” di Julie Taymor.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Aline Fonseca (@alinefonsecas)

Biografia Caetano Veloso

Il cantautore bahiano Caetano Veloso è uno dei musicisti più importanti della musica popolare brasiliana. Alcuni lo considerano addirittura uno dei migliori cantautori del XX secolo, paragonato a nomi come Bob Dylan, Bob Marley, John Lennon e Paul McCartney, o ai suoi connazionali Milton Nascimento, Gilberto Gil o Djavan, tra gli altri.

Caetano ha iniziato la sua carriera interpretando canzoni bossa nova, sotto l’influenza di João Gilberto, una delle icone e dei fondatori del movimento, e che ha anche collaborato alla crescita dello stile musicale che divenne noto come MPB. Il nome di Veloso si affermò saldamente nel movimento Tropicália, che era associato alla controcultura. Produttore, arrangiatore e scrittore brasiliano, il giovane Caetano ha partecipato a spettacoli semi-amatoriali insieme a Tom Zé, sua sorella Maria Bethânia, Gal Costa e il suo compagno Gilberto Gil. La sua prima opera musicale è stata una colonna sonora per lo spettacolo teatrale “A exceção e a regra” (L’eccezione e la regola), diretto da Álvaro Guimarães a Salvador. La sua carriera ha già attraversato cinque decenni. Nel 1965, Caetano Veloso ha cominciato a fare della musica una professione, accompagnando la sorella minore Maria Bethânia nelle sue esibizioni nazionali nello spettacolo Opinião. Poco dopo, ha partecipato a festival di musica popolare e composto colonne sonore per film. Ha pubblicato il suo primo LP nel 1967, Domingo, con Gal Costa, lo stesso anno in cui ha guidato il movimento Tropicalismo. Caetano è considerato uno degli artisti brasiliani più influenti dagli anni ’60 ed è stato definito un aedo postmoderno. Nel 2004 è stato considerato come uno dei musicisti latinoamericani più rispettati e produttivi al mondo, con più di cinquanta album disponibili e collaborazioni nelle colonne sonore di film come “Hable con Ella” di Pedro Almodovar e “Frida” di Julie Taymor – il cui il brano “Burn It Blue”, in collaborazione con Lili Downs, ha gareggiato per la “Migliore canzone originale” agli Oscar nel 2003. La cerimonia di premiazione di quell’anno includeva anche una performance di Caetano al fianco di Lili Downs. Nel corso della sua carriera, Veloso è diventato anche una delle personalità più importanti a livello nazionale, grazie alle sue forti opinioni politiche e sociali. Ha vinto diversi premi, tra cui 13 Latin Grammy e 2 American Grammy, oltre a due titoli alla 24a edizione dei Brazilian Music Awards – uno come Best Singer con il CD Abraçaço, nella categoria Pop/Rock/Reggae/Hiphop/Funk, e uno nella categoria Best Visual Project per lo stesso album.

 

Instagram: @caetanoveloso | Twitter: @caetanoveloso | Facebook: @falacaetano

Testi e foto dagli Ufficio Stampa e Comunicazione Parole e Dintorni e Promozione Sony Music.

STASERA IN PRIMA SERATA SU RAI 1
DAL TEATRO DEL CASINÒ DI SANREMO

LA SERATA FINALE DI “SANREMO GIOVANI” 2021

DESTRO, LITTAMÈ, SENZA_CRI e VITTORIA
SONO I 4 GIOVANI ARTISTI IN GARA PROVENIENTI DA 
AREA SANREMO 2021

Area Sanremo Sanremo Giovani 2021

Stasera, mercoledì 15 dicembre, durante la serata finale di “Sanremo Giovani” in diretta in prima serata su Rai1 dal Teatro del Casinò di Sanremo, DESTRO, LITTAMÈ, SENZA_CRI e VITTORIA, i 4 giovani artisti dell’edizione 2021 di AREA SANREMO, si contenderanno il podio per poter accedere alla 72a edizione del Festival di Sanremo.

Area Sanremo è una manifestazione organizzata e gestita dalla Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo, presieduta dall’Avv. Filippo Biolè. La Direzione Artistica di Area Sanremo è a cura di Massimo Cotto.

 «Questa sera faremo il tifo per tutti e 4 i nostri finalisti di Area Sanremo alla serata finale di Sanremo Giovani – racconta l’Avv. Filippo Biolè – Peraltro la questione Littamè, risoltasi come anche noi avevamo immaginato prima ancora che fosse la Rai ad esprimersi, è stata solo un inconveniente che ha offerto l’occasione per avere conferma della bontà delle rigorose regole che ci siamo dati nel nostro regolamento con riguardo alla natura inedita dei brani in gara e che garantiscono trasparenza e uniformità di giudizio nell’interesse di tutti i partecipanti».

Area Sanremo Sanremo Giovani 2021
l’Avv. Filippo Biolè_Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo

I 4 giovani artisti che questa sera parteciperanno alla serata finale di “Sanremo Giovani” 2021 sono stati scelti dalla Commissione Artistica della RAI tra i 21 vincitori di Area Sanremo, precedentemente selezionati dalla Commissione di Valutazione, composta da Franco Zanetti (Presidente)dal Maestro Giuseppe Vessicchio (Presidente), Piero Pelù, Mauro Ermanno Giovanardi e Marta Tripodi. Il Presidente Onorario della Commissione di Valutazione è stato Vittorio De Scalzi. Il commissario supplente è stato Maurilio Giordana. Il garante di questa edizione è stato Massimiliano Longo.

Area Sanremo Sanremo Giovani 2021
Massimo Cotto. Foto di Angela Perri

Sito ufficiale: www.area-sanremo.it

Social Media:

www.instagram.com/areasanremo
www.facebook.com/areasanremo.official

Milano, 15 dicembre 2021

————————————————————————————————————————————

BIOGRAFIE ARTISTI

Destro

DESTRO (Leverano – LE) ha compiuto da poco 19 anni e tra le sue esperienze vanta una finale al prestigioso Premio Lunezia nella quale ha ricevuto il premio speciale Radio Bruno e conosciuto il suo produttore, con il quale ha iniziato il suo percorso discografico pubblicando a giugno il singolo “Limited Edition” su etichetta Beat Sound. Sarà in gara con il brano “Agosto di piena estate, scritto insieme al suo produttore Beppe Stanco.

Littamè

LITTAMÈ (Terrassa Padovana – PD) nasce nel 1996 a Monselice (PD) e fin da piccola si avvicina al mondo della musica. A 16 anni inizia a prendere lezioni di canto e da quel momento si esibisce in serate ed eventi della sua zona, finché nel 2020 sente l’esigenza di raccontarsi e comincia a scrivere le proprie canzoni. A giugno 2021 si aggiudica un posto tra i primi 6 artisti al “Fatti Sentire” Festival in onda su Rai2. Sarà in gara con il brano “Cazzo avete da guardare”, scritto da lei insieme a Stefano Paviani e Laguna che ne hanno curato anche la produzione.

Senza_Cri

SENZA_CRI (Brindisi) si trasferisce a Milano all’età di 19 anni e avvia una collaborazione con Demetrio Sartorio e Carlo Giardina presso Bach Studio. Ad agosto 2021 pubblica il singolo “TU SAI” (UTO Publishing) e si esibisce lo stesso mese come opening act di Teresa De Sio nella rassegna “Tenco Ascolta” a Metaponto. Ad ottobre si esibisce dal vivo nella serata conclusiva del Premio Tenco 2021 al Teatro Ariston di Sanremo. Sarà in gara con il brano “A me.

Vittoria

VITTORIA (Villafranca di Lunigiana – MS) è nata nel 2003 e fin da giovane partecipa a manifestazioni canore che l’hanno fatta crescere artisticamente, fino a portarla nel 2019 al Cantagiro dove vince nella categoria “New Voice”, aggiudicandosi la realizzazione di un brano in studio di registrazione.  Avviene così l’incontro con il suo attuale produttore artistico Mirko Mangano con il quale comincia il suo percorso artistico professionale, arrivando al primo contratto discografico con l’etichetta Rusty Records. Sarà in gara con il brano “California, da lei scritto.

——————————————————————————————————————————————————————————————

DIREZIONE ARTISTICA

MASSIMO COTTO

Massimo Cotto è DJ radiofonico, autore televisivo e teatrale, giornalista professionista, scrittore (ha al suo attivo oltre 70 libri), direttore artistico di numerosi festival e rassegne, presentatore e “narrattore”.

COMMISSIONE DI VALUTAZIONE

PIERO PELÙ

Cantante, compositore, autore, arrangiatore, produttore, attore, performer e coach televisivo con oltre 40 anni di storia artistica, 20 dischi di studio all’attivo, oltre 7 milioni di copie vendute e migliaia di concerti in Italia e nel resto del mondo.

MAURO ERMANNO GIOVANARDI

Mauro Ermanno Giovanardi è fondatore dello storico gruppo La Crus, con cui pubblica 8 album con Warner, vincendo tantissimi premi tra cui due Targhe Tenco. Dal 2007 inizia la sua carriera solista che lo porta a Sanremo con “Io Confesso”; nel 2013 si aggiudica la Targa Tenco come migliore interprete e nel 2015 come migliore album dell’anno con “Il Mio Stile”. Ha avuto la direzione artistica di numerosi festival tra cui La Mia Generazione Festival in Ancona, di cui si è appena conclusa la quarta edizione.

MARTA TRIPODI

Marta “Blumi” Tripodi è nata a Milano nel 1984 ed è specializzata in musica e cultura hip hop. Per dodici anni ha collaborato con Rai Radio2, per poi diventare autrice televisiva e di documentari, di podcast e giornalista musicale.

FRANCO ZANETTI (Presidente di Commissione)

Bresciano, giornalista e autore, dal 1996 è direttore editoriale di www.rockol.it, il primo sito musicale italiano. Ha fatto parte della Commissione di SanremoLab/Area Sanremo nel 2004, 2007, 2008, 2015 e 2017. Con Gian Piero Alloisio ha ideato e dirige il talent per autori di canzoni “Genova per Voi”.

GIUSEPPE VESSICCHIO (Presidente di Commissione)

Compositore, musicista, arrangiatore, direttore d’orchestra e personaggio televisivo italiano attivo nell’ambito della musica in genere, il Maestro Giuseppe Vessicchio nasce il 17 marzo del 1956. È una presenza quasi fissa al Festival di Sanremo dal 1990 ed è noto anche come sperimentatore degli effetti della musica sugli organismi viventi, piante, vino, latte e biologia umana. È docente attivo nella propria accademia.

VITTORIO DE SCALZI (Presidente onorario)

Vittorio De Scalzi ha sempre posseduto due diverse anime artistiche: quella ribelle e contestatrice della fine degli anni ‘60 che lo ha portato a fondare la band dei New Trolls, e l’altra, quella del cantautore che lui ha sempre coltivato dentro di sé aspettando il momento giusto per liberarla. Autore con Fabrizio De Andrè e per Ornella Vanoni, Mina e Anna Oxa, le sue due opere prime sono “Mandilli” e “Gli Occhi del Mondo”.

MAURILIO GIORDANA (Commissario supplente)

Maurilio Giordana è una delle voci storiche della radiofonia ligure. Nel 2015 e nel 2018 ha fatto parte della commissione artistica di Area Sanremo. Attualmente è speaker e responsabile musicale di Radio Onda Ligure 101. Collabora con il sito musicale Rockol. Dal 2017 è uno dei Giurati del Premio Tenco.

GARANTE

MASSIMILIANO LONGO

Massimiliano Longo inizia a vent’anni a lavorare dietro le quinte della musica cercando di carpirne ogni sfumatura. Ricopre così i ruoli di Personal Assistant (Gianluca Grignani, Niccolò Agliardi), Project Manager e produttore esecutivo di artisti emergenti. Nel 2014 nasce da una sua idea All Music Italia, un punto di riferimento tra i siti di musica in Italia, da lui diretto. Ha ricoperto il ruolo di giurato in importanti Contest nazionali, tra cui Amici di Maria De Filippi e il Summer Festival (Canale 5) e il Concerto Primo Maggio Roma (Rai 3).

Testi e foto dagli Ufficio Stampa e Comunicazione Parole e Dintorni e Sanremo 

Da venerdì 10 dicembre sarà disponibile in rotazione radiofonica L’ARANCIO” (Lungomare – Believe), il nuovo singolo di LORENZO SANTANGELO.

Prodotto da Filippo Raspanti per Sphere Music International, “L’arancio” è il nuovo singolo del cantautore romano Lorenzo Santangelo. L’autore, dopo aver vissuto molti anni all’estero, riscopre le sue radici utilizzando per la prima volta il proprio dialetto in un viaggio emozionale che ha come traccia un immaginario monologo del nonno. Il testo del brano, raffinato ed incisivo allo stesso tempo, si sviluppa in un crescendo perfettamente in armonia con la musica, partendo da una tenera immagine di vita quotidiana, seguita da una serie di riflessioni mai banali e di forte impatto emotivo.

Spiega l’artista a proposito della nuova release: «”L’arancio” è nata in maniera del tutto naturale, come se scriverla in quel preciso momento della mia vita fosse la cosa più normale del mondo. È stato emozionante crearla, perché solo scrivendola mi sono accorto del legame indissolubile che c’è tra me e mio nonno, che non c’è più da tanti anni, e mi è venuto spontaneo utilizzare il mio dialetto, come si fa in famiglia. È una canzone un po’ strana, non ha la classica struttura “strofa/ritornello”, e di sicuro non strizza l’occhio alla moda. È una canzone onesta, per niente furba, che cerca soltanto di emozionare e di lasciare un segno un po’ più profondo, a prescindere da like e stream».

arancio Lorenzo Santangelo L'arancio
La copertina del singolo L’arancio (Lungomare – Believe) di Lorenzo Santangelo, prodotto da Filippo Raspanti per Sphere Music International

Il videoclip di L’arancio è stato girato in Toscana in un casale di campagna dell’800 da Gabriele Paoli. Sono stati scelti colori caldi e atmosfere dal sapore classico. La scelta delle immagini è fortemente legata al testo della canzone, e vuole dare fin dalle prime scene quell’idea di intimità e calore caratteristica del brano.

Biografia

Lorenzo Santangelo è nato a Roma, dove ha iniziato a 4 anni a studiare pianoforte. Dopo aver frequentato il conservatorio di Santa Cecilia si avvicina alla forma canzone, affascinato dai grandi cantautori italiani. Nel 2012 scrive un romanzo prima di lasciare l’Italia per trasferirsi in Australia, dove vive 7 anni ottenendo la cittadinanza australiana. Dal 2019 collabora con Radio SBS (la radiotelevisione nazionale australiana) per la quale ha ideato e conduce tutt’oggi la trasmissione settimanale “Parlando di Musica”, giunta ormai alla centesima puntata, nella quale intervista artisti di spicco del panorama musicale italiano tra cui Caparezza, Frankie hi nrg mc, Willie Peyote, Tosca, Ron, Eugenio Finardi, Fabio Concato, Simona Molinari, Gio Evan, PFM, La Rappresentante di Lista e molti altri. Tornato in Italia inizia a collaborare con svariati artisti, lavorando come autore. Negli ultimi anni ha pubblicato due EP (“Canzoni in fuga” e “Respiro”) e un Lp (“L’ultimo album d’esordio”).

Il suo nuovo singolo, “L’arancio”, sarà in rotazione radiofonica dal 10 dicembre 2021.

Social Media:

https://www.instagram.com/lorenzosantangelomusic/
https://www.facebook.com/santangelolorenzo/

Articoli correlati:

Lorenzo Santangelo: intervista a un romano alla ricerca delle sue radici

Lorenzo Santangelo vince la XX edizione del Premio Fabrizio De André

Testi, video e foto dall’Ufficio Stampa Red & Blue.