Un fenomeno in crescita negli ultimi anni è la creazione e pubblicazione di fumetti italiani con una forte impronta giapponese. Tale influenza può coprire aspetti tanto diegetici quanto editoriali ed essere un’arma a doppio taglio. Il rischio è di trovarsi davanti a prodotti derivativi, senza un reale mordente che spinga all’acquisto. Dada Adventure, di Alessandro Starace e Leonardo Berghella, riesce a districarsi da questo problema.

Dada adventure
Dada Adventure, di Leonardo Berghella, Alessandro Starace, pubblicato da Edizioni BD (2023). Foto di Francesco Ariani

Attualmente in corso, pubblicato in Italia da Edizioni BD, i suoi sette volumi (più un volume speciale) ricordano i tankōbon per formato e foliazione. Ma il Giappone non si vede solo nell’apparenza. L’avventura di Dada ha infatti inizio quando la bambina cade dal cielo, in un primo volume in cui le influenze del Sol Levante sono più evidenti. La struttura narrativa ricalca le prime battute di molti shonen d’avventura, mentre i design e le soluzioni visive ricordano Akira Toriyama ed Eiichirō Oda.

Si ringrazia Edizioni BD per questa tavola

Le premesse restano però buone, merito di una buona caratterizzazione degli ambienti e l’inserimento di elementi tipici dei giochi di ruolo, come un sistema di livelli e abilità per i personaggi. Questa amalgama di ingredienti diversi si incastra in un universo fantasy medievaleggiante, con delle piacevoli “intromissioni” di elementi fuori tempo rispetto al contesto e svariate citazioni (spesso musicali). Il tutto viene reso con un tratto pulito e delle azioni molto chiare, un ritmo incalzante e dei personaggi d’impatto e ben caratterizzati.

Si ringrazia Edizioni BD per questa tavola

Nel procedere dei capitoli, Dada Adventure matura. Le influenze aumentano e si diversificano, con elementi più riconducibili al fumetto italiano. Il cast si amplia, gli elementi da gioco di ruolo divengono più ricchi. Se con il secondo volume quindi il fumetto si definisce, con il terzo trova la sua definitiva personalità. La narrazione esplora sempre più strade diverse, le scene d’azione vivono di coreografie più complesse e ben organizzate. Gli ambienti riescono a trovare un’identità comune, mantenendo un’ottima variabilità ed anche i design divengono più variegati.

Dada adventure
Dada Adventure, di Leonardo Berghella, Alessandro Starace, pubblicato da Edizioni BD (2023). Foto di Francesco Ariani

Le interazioni fra i personaggi del party si sviluppano in modo organico e ci si affeziona a loro in maniera genuina. Capita di capire con anticipo chi sarà il prossimo ingresso nel gruppo principale, ma questo non rovina il gusto della lettura, anzi genera un tipo di curiosità diverso, legato al ruolo che questo potrà ricoprire, come le sue abilità si “incastreranno” con le altre del party e quali sorprese potrà svelare dal punto di vista caratteriale o del suo vissuto. Esiste perciò un ottimo equilibrio nelle interazioni tra personaggi tra la componente più ludica, legata al combattimento, e l’altra più umana, legata alle personalità.

Si ringrazia Edizioni BD per questa tavola

Rimane sempre viva una costante, durante tutta la storia: il senso di avventura. Una perenne scoperta di luoghi, popoli, poteri, oggetti, lo svilupparsi davanti al lettore di uno stratificato ma non intricato worldbuilding. Come i personaggi possono creare sinergia tra le loro abilità e ruoli, così Starace e Berghella creano una sinergia di sceneggiatura e disegno tale da immergere il lettore nel mondo di Dada e condividerne il sogno: esplorare tutto il mondo.

Un sogno classico nel suo genere, fanciullesco come Dada, ma perfetto per un potenziale pubblico di giovani lettori. Questi potrebbero vivere un’avventura dal familiare gusto giapponese ma con elementi visivi e narrativi diversi, essere stimolati all’apertura verso i giochi di ruolo e perché no allo scoprire le stesse fonti di ispirazione dei due autori.

Il sogno di Dada sembra quasi una promessa, facendo sperare nel suo avverarsi non solo personaggio di Dada, ma anche per i suoi autori e lettori, che possano vivere le sue avventure per molto tempo.

Dada Adventure, di Leonardo Berghella, Alessandro Starace, pubblicato da Edizioni BD (2023). Foto di Francesco Ariani

Gallery con le copertine dei primi sei volumi e box. Link al primo volume: https://www.edizionibd.it/dada-adventure-1.html

Scheda tecnica

Autore: Leonardo Berghella, Alessandro Starace
Data di uscita: 23 Nov 2022
Tipo prodotto: Fumetti
Prezzo: 7,50 euro cad
Rilegatura: Brossurato
Formato: 12.4 x 18 cm
Interni: b/n, colori
Pagine: 200ca

Write A Comment