Blue Giant è un manga seinen, scritto e disegnato da Shinichi Ishizuka, serializzato sulla rivista Big Comic dal 2013 al 2016 è poi stato raccolto in dieci volumi dalla casa editrice giapponese Shōgakukan. In Italia il manga è offerto dalla J-Pop, in un formato speciale che dimezza i volumi da dieci a cinque, con un poster contenuto nel volume 1.

Il protagonista di Blue Giant è Dai Miyamoto, un adolescente che affacciandosi all’età adulta e dovendo scegliere che fare della sua vita, punta tutto quanto sul suonare jazz con il suo sax. Dai è un ragazzo come tanti, l’unica particolarità che ci viene mostrata è l’assenza della madre in famiglia, elemento che almeno all’inizio non tocca particolarmente la vita del giovane. Non si tratta di un emarginato ed ha diverse passioni abbastanza comuni, fra le quali spiccano il basket, ed appunto il jazz, musica per la quale proverà un amore viscerale grazie ad uno spettacolo a cui era stato invitato da un amico.

 

Il punto focale del manga non è tanto la musica come si potrebbe pensare all’inizio, bensì la crescita del protagonista ed il suo cammino verso l’età adulta ed un’esistenza soddisfacente e, per certi versi, produttiva. Contrapposti a sogni artistici infatti ci sono concetti smaccatamente giapponesi di età adulta legata all’idea di produrre e diventare un ingranaggio efficiente della società. Dai non dovrà solo imparare a suonare meglio, ma dovrà anche capire come mettere a frutto la musica nel suo futuro e allo stesso modo dovrà comprendere come esprimere un concetto così astratto ad altre persone. Una barriera che il protagonista dovrà affrontare è proprio quella dovuta al tipo di musica che vorrà fare: se già normalmente voler essere un musicista suona come un sogno frivolo, voler fare jazz lo sembra ancora di più non solo ai coetanei di Dai, ma anche a degli adulti che di quella musica conoscono poco o niente.

 

Lo stile di Blue Giant è pulito ed ordinato, trasportando con naturalezza il lettore in un’intricata giungla di dialoghi senza mai annoiare o far perdere il filo del discorso: le scelte registiche inoltre strizzano l’occhio ad un tentativo di sottolineare soprattutto le emozioni dei personaggi, dando poco spazio ad altri dettagli. Le vignette che ritraggono momenti in cui si suona riescono ad avere quel guizzo in più necessario ad un manga simile: sono particolarmente apprezzabili le linee cinetiche che partono dal sax di Dai, sapientemente usate tanto nella quantità quanto nella direzione per sottolineare il volume della musica e l’intensità con cui si impegna il protagonista. Allo stesso modo molte vignette rinunceranno alla presenza delle linee cinetiche per rappresentare dei momenti di pura estasi, sensazione che in molti proveranno ascoltando il protagonista suonare.

 

Blue Giant è un manga pacifico e introspettivo, che racconta la storia di un ragazzo che invece vive con un fuoco ardente nel petto che vuole solo uscire fuori con ogni nota che produce il sax. Fra citazioni musicali colte, dialoghi intriganti e un sano amore per il soggetto, Blue Giant appassiona in modo mutevole proprio come la musica jazz.

Blue Giant
La cover del primo volume di Blue Giant di Shinichi Ishizuka, pubblicato in Italia da J-Pop (2022)

Scheda tecnica

Autore: Shinichi Ishizuka
Data di uscita: 22 Giu 2022
Tipo prodotto: Libri
Prezzo: 15,00 euro
Rilegatura: Brossurato
Formato: 15×21 cm
Interni: B&N e Colori

Per le immagini si ringrazia J-Pop.

Write A Comment